7 studi (1-7) (rep.502)

60efe5e0774314000775f5c8

7 studi (1-7) (rep.502)

Inventario
M3132
Categoria:

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Matita e acquerello su carta incollati su cartoncino unico
Iscrizioni
disegno 1: 90x80. Bologna caffe della Checca
disegno 2: 85x100. Bologna 7 marzo 84. La buona Checca
disegno 3: 90x74. 7 marzo 84
disegno 4: 160x107 7/2/84 Roma
disegno 5: 165x115 In Santa Maria Maggiore 7 febbraio Roma
disegno 6: 204x122 dallo studio Serra 24 gennaio188 4 Roma
disegno 7: 69x320 fuori porta San Giovanni 17 febbraiio Roma

Notizie storico critiche
Noto per la sua attività di scultore, Enrico Barbèri ha posseduto anche doti di bozzettista e di arguto vignettista, come dimostra il cospicuo numero di fogli presenti in queste Collezioni. Schizzi veloci ma minuziosi, con cui ritrae volti, espressioni di carattere e paesaggi. In questi fogli si ritrova anche traccia dello stretto rapporto che legava il Barbèri a Luigi Serra, suo maestro e amico fraterno. Proprio il Barbèri si è preoccupato della conservazione e di evitare la dispersione del nucleo di disegni del Serra (n. inv. dal 1542 al 1559), e a essi si è ampiamente ispirato nei modi e nella tecnica, come appare estremamente chiaro nel caso della stesura dell’acquerello.
Bibliografia
F. Varignana, I disegni. dal paesaggio romantico alla veduta urbana, 1977, vol III, p. 414;
Enrico Barberi e la fontana del Nettuno. Il fondo di disegni delle Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, cat. mostra 16 marzo 10-giugno 2018