Bologna - Chiesa della Vita, Pietà di Nic. da Puglia, particolare (anno 1463)

60f6e1433c12a10007f1de2a

Bologna - Chiesa della Vita, Pietà di Nic. da Puglia, particolare (anno 1463)

Notizie storico artistiche

Datazione
Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
1896-1907
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
27x21
Indicazione di colore
B/N
Soggetto o iconografia
Bologna - Chiese - Chiesa di S. Maria della Vita - Scultura - Terrecotte - Niccolò dell'Arca - Compianto sul Cristo morto - Dettaglio
Bibliografia
Franco Cristofori, Giancarlo Roversi, a cura di, Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1980; Giuseppina Benessati, Angela Tromellini, Fotografia & Fotografi a Bologna, 1839-1900, Casalecchio di Reno, Grafis, 1992; Franca Varignana, Pietro Poppi “Peintre-Photographe” in Andrea Emiliani, Italo Zannier, a cura di, Il tempo dell'immagine: fotografi e società a Bologna 1880-1980, Torino, SEAT, 1993, pp. 55-70; Fabio Marangoni, Pietro Poppi (1833-1914) fotografo bolognese dell’Ottocento, tesi di laurea in Storia dell’Arte Contemporanea, Università degli studi di Bologna, relatore Stefano Susinno, a.a. 1998/1999; "Compianto su Cristo morto" in http://www.emiliaromagna.beniculturali.it/index.php?it/107/opere/28/compianto-su-cristo-morto
Note
La lastra non compare in nessun catalogo a stampa. Da ascriversi alla fase finale della produzione del fotografo, tra il 1896 (anno di pubblicazione della seconda appendice al Catalogo Generale del 1888) e il 1907, anno di cessione dell'attività.
Il gruppo è formato da sette statue in terracotta, opera dello scultore Niccolò dell'Arca. E' purtroppo completamente scomparsa l'originaria policromia, che doveva essere caratterizzata da colori accesi e vivaci.
Il gruppo comprende sei statue in piedi, Nicodemo, la Madonna, San Giovanni Apostolo, Maria Maddalena e altre due Marie, e il Cristo morto, sdraiato su un catafalco con il capo appoggiato ad un cuscino. La datazione dell'opera, situata nel transetto destro, è controversa, anche se risulta probabile che le singole statue siano state realizzate in momenti diversi, a partire dal 1463.