Bozzetto per la decorazione del salone del palazzo del Podestà

60edd3031d69f70008f10e9c

Bozzetto per la decorazione del salone del palazzo del Podestà

 Genera il pdf
Inventario
M1569 (rep.3/761)
Categoria:

Notizie storico artistiche

Firma
Firmato.
Tecnica e supporto
Penna e acquerello policromo con tracce di matita nera su cartone.
Misure foglio (in mm)
365 x 1250
Notizie storico critiche
Nato in provincia di Ascoli Piceno nel 1874, Adolfo De Carolis fu allievo di D. Ferri all'Accademia di Belle Arti di Bologna, e in seguito di D. Bruschi e A. Morani a Roma presso la scuola di decorazione pittorica del Museo Artistico Industriale. I suoi lavori sono contraddistinti da un’estetica simbolista e preraffaellita, in cui combina il sintetismo formale derivato dagli stilemi del giapponesismo per le decorazioni, e il vigore di stampo michelangiolesco per i soggetti. Adolfo De Carolis, inoltre, è ricordato come uno dei principali esponenti del Liberty italiano. Celebri le collaborazioni per le illustrazioni (disegni e xilografie) dei testi di Gabriele D’Annunzio e Giovanni Pascoli. Nel 1908 vince il concorso indetto dalla Società Francesco Francia per la decorazione del Salone del palazzo del Podestà, e nella motivazione, la commissione giudicatrice specifica come la sua arte “magnifica […] impetuosa di fervore evocativo, ricca di immagini e sicura nell'unità dell'insieme" riassuma perfettamente la tematica scelta, ossia la Storia e i Fasti della città di Bologna. I lavori furono avviati nel 1911 e il cantiere si protrasse per lungo tempo, ben oltre la morte dello stesso De Carolis, avvenuta nel 1928. Il presente disegno riguarda la progettazione generale dell’ordito decorativo delle pareti, lungo le quali si illustrano i salienti della vicenda storica di Bologna.
Bibliografia
F. Varignana (a cura di), Le Collezioni della Cassa di Risparmio in Bologna - I disegni 3. dal paesaggio romantico alla veduta urbana, Bologna 1977.