Ecce homo

60e84f23e3e2f0000732d86a

Ecce homo

 Genera il pdf

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Olio su tela
Misure (in cm)
175x138
Notizie storico critiche
Allievo di Domenico Maria Canuti e quindi di Lorenzo Pasinelli, il cui insegnamento è qui particolarmente evidente, Girolamo Negri detto il Boccia fu attivo, oltre che a Bologna, a Faenza e in altri centri della Romagna, anche a Modena e a Mirandola.
La composizione di questo dipinto risente in modo speciale dell’invenzione di Ludovico Carracci nell’affresco ora conservato nell’oratorio dei Filippini di via Galleria, un tempo sotto il portico dell’edificio che fu demolito per fare spazio alla nuova costruzione.
Le dimensioni compatibili con quelle di una paletta d’altare rendono plausibile l’ipotesi che vi sia ravvisabile il “quadro con Christo mostrato al Popolo Ebreo” che Marcello Oretti segnalava, come di Girolamo Negri detto il Boccia, presso gli Scalzi, nel complesso pertanto di Santa Maria degli Alemanni, il cui ricordo è andato perduto.


Soggetto o iconografia
Cristo, in primo piano, a figura intera, con la corona di spine e avvolto da un mantello rosso, viene condotto via da un uomo alle sue spalle. A destra, sullo sfondo, la famosa scena, reale e metaforica insieme, raffigurante Ponzio Pilato che si lava le mani.
Bibliografia
M. Fanti, P.L. Perazzini, A. Mazza, La schedatura delle opere d'arte a Bologna e nel suo territorio nel 1820, Bologna 2015, p. 204; A. Mazza, Felsina sempre pittrice - Acquisizioni d'arte e donazioni per la storia di Bologna (2014-2016), Bologna 2016, pp. 74-77 (con bibl. prec.);
Mostre
Felsina sempre pittrice (Bologna, 2016); Reni, Guercino, Cantarini, Pasinelli. Il Seicento bolognese nelle collezioni della Fondazione Carisbo, (Bologna 2019)
Note
misure con cornice: 200x161