Il piede romano

60e84f1fe3e2f0000732d80b

Il piede romano

Notizie storico artistiche

Datazione
Firma
Firmato e datato
Tecnica e supporto
Olio su tela
Misure (in cm)
97x146; con cornice: 121x170x9,5
Iscrizioni
In basso a destra: de Pisis/Paris/33.
Notizie storico critiche
Nato a Ferrara nel 1896, Filippo de Pisis si trasferisce nel 1925 a Parigi dove si avvicina alla pittura impressionista. Mette a punto uno stile originale fatto di materia fragile ed evanescente, una figurazione che sembra dissolversi nel nulla della tela grezza. Una fragilità che l'artista trasforma in poesia e che si esplica perfettamente negli acquerelli, nei nudi pudichi, nelle nature morte, nei vasi di fiori o nella serie delle marine autunnali e deserte a cui quest'opera appartiene. Qui, su un prato, alcuni oggetti sospesi e abbandonati sotto un cielo scuro che non lascia presagire nulla di buono.
Soggetto o iconografia
Su un prato verde, un resto di una scultura romana raffigurante un piede insieme ad altri oggetti lì abbandonati. Più indietro una piccola figura maschile. Cielo blu denso di nubi cariche di pioggia.
Bibliografia
P. Fierens, De Pisis, in Corriere Padano , 1937 tav.23; AA.VV, in Stile , agosto settembre, 1943; G. Ballo, De Pisis, Torino 1968; C. Gian Ferrari, De Pisis a Milano, Milano 1991, p. 332; G. Briganti, De Pisis, Catalogo Generale, Milano 1991, p. 332; B. Buscaroli (a cura di), Nove stanze, nove secoli, Bologna 2010; De Pisis e Montale, catalogo della mostra, Mendrisio (CH), 2012, pp. 55;161, n.23; M. Nottoli in Antico e Moderno, Bologna 2014, pp. 270-271; M. Nottoli in Da Giotto a de Chirico. I tesori nascosti, Sant'Arcangelo di Romagna 2016, p. 324; Filippo De Pisis (a cura di P.G. Castagnoli), Electa Milano, p. 116, n. 62;
Mostre
XX Esposizione Biennale Internazionale d Arte (Venezia, 1936); IV Quadriennale d Arte Nazionale (Roma, 1943); De Pisis (Verona, 1969); Amate sponde. Pitture di paesaggio in Italia dal 1910 al 1984 (Acqui Terme, 1984); De Pisis. Miti e mete (Milano, 1987); De Pisis a Milano (Milano, 1991); Da Cà Pesaro a Morandi (Conegliano, 2002); Nove stanze, nove secoli (Bologna, 2010); Filippo de Pisis e Eugenio Montale (Mendrisio, 2012);Antico e Moderno - Il Novecento (Bologna, 2014); Da Giotto a de Chirico. I tesori nascosti, (Salò 2016); De Pisis (Milano, Roma, 2019-2020);