La madre

60e3353ce3e2f0000732cdb3

La madre

Inventario
F32198
Categoria:

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Marmo
Misure (in cm)
27x27x16; con cornice: 35x35x16
Notizie storico critiche
Questo autorielievo è un'opera autonoma che Wildt trae dalla sua più ampia composizione denominata "La concezione", anch'essa del 1921 in cui tra i poli opposti del maschile e del femminile si aggiunge la figura dorata del feto.
Soggetto o iconografia
Altorilievo con viso di donna stlizzato ripreso frontalmente il cui capo appare coperto da un velo.
Bibliografia
Bollettino di "Bottega d'Arte - Mostra di Primavera. Pittura e scultura, Livorno, 1923; La casa milanese di Claudia Gian Ferrari - Arredi e opere d'arte moderna e contemporanea, Porro Art Consulting, Milano 2011, cat. 102, pp. 62-63; F. Mazzocca, P. Mola, Wildt - l'anima e le forma tra Michelangelo e Klimt, Milano 2012, p. 202-203; A. Marchi, in Antico e Moderno, Bologna 2014, pp. 250-251; Adolf Wildt. Le dernier Symboliste, Parigi 2015, pp. 146-149; V. Sgarbi (a cura di), Da Giotto a Morandi, Perugia 2017, pp. 172-173;
Mostre
Bottega d'Arte, Mostra di Primavera (Livorno, 1923); Wildt - l'anima e le forma tra Michelangelo e Klimt (Forlì, 2012); Antico&Moderno (Bologna, 2014); Rosso Fiorentino rosso vivo (Volterra, 2014-2015), Adolf Wildt. Le dernier Symboliste, (Parigi 15 aprile -13 luglio 2015); Da Giotto a Morandi (Perugia, 2017); Antico&Moderno (Bologna, 2021);
Note
L'opera ha un supporto a leggio su cui va posizionata (misure: 42x42, h. 35)