Latona e i pastori di Licia

60f415606e15f700077d5678

Latona e i pastori di Licia

Inventario
8797
Categoria:

Notizie storico artistiche

Inventore
Carracci Annibale
Disegnatore
Trudon Jerome
Tecnica e supporto
Acquaforte e bulino
Misure immagine (in mm)
410 x 333
Iscrizioni incise
In alto a penna 101. In basso a matita rossa 8797. A matita Latona
Notizie storico critiche
L'incisione in esame spetta a Cesare Fantetti. Fu tratta da un dipinto ritenuto di Annibale, allora conservato nel palazzo del Principe Rocca Aspide di Napoli dove nel Settecento lo segnalano due illustri viaggiatori francesi: Cochin (C.N. Cochin Voyage d'Italie ou recueil de notes sur les ouvrages de peinture et sculpture, qu'on voit dans les principales villes d'Italie, Paris 1758, p. 189) e Lalande (M. Lalande, Voyage d'un francais en Italie, Paris 1769, ed. cons. 1787, V, p. 350). Il dipinto è da riconoscere in quello oggi alla Galleria Nazionale di Bratislava. Secondo Brogi (in D. Benati, E. Riccomini, Annibale Carracci, cat mostra Bologna 2006, p. 208) si tratta invece di una copia dalla tela analoga ma di ben più alta qualità oggi conservata al Castello Episcopale di Kromeriz e proveniente con ogni probabilità dalla collezione Pamphili, che per le spiccate qualità coloristiche
Bibliografia
E. Borea, G. Mariani, Annibale Carracci e i suoi incisori, cat. mostra, Roma 1986, p. 287
D. Benati, E. Riccomini, Annibale Carracci, cat mostra Bologna 2006, p. 208