Maria Maddalena nel deserto

60f415606e15f700077d565c

Maria Maddalena nel deserto

Inventario
8766
Categoria:

Notizie storico artistiche

Inventore
Carracci Annibale
Disegnatore
Anonimo (secolo XVII)
Tecnica e supporto
Acquaforte
Misure foglio (in mm)
221 x 165
Iscrizioni incise
In basso a matita rossa 8766
Notizie storico critiche
Questa incisione di anonimo seicentesco deriva da quella di Annibale datata 1591 ben si inserisce nel momento di maggiore influenza della pittura veneziana su Annibale. L'impostazione della figura in diagonale si richiama ad esempi tintoretteschi e tizianeschi, come pure la resa del paesaggio attraverso segni aperti e ariosi capaci di ricreare gli effetti atmosferici. La Santa Maddalena pare ispirata, come già sottolineato da De Grazia (1984), alla figura della Pace nella tela con Minerva che scaccia Marte dipinta da Tintoretto in Palazzo Ducale a Venezia e tradotta da Agostino in incisione nel 1589. La stessa figura compare inoltre in un dipinto di Venere e Adone oggi al Prado probabilmente eseguito da Annibale Carracci prima dell'incisione.



Soggetto o iconografia
la santa seduta su una stuoia che poggia su una roccia tiene le mani giunte in preghiera e il viso rivolto alla sua sinistra guarda un piccolo crocifisso. Sullo sfondo è un paesaggio.
Bibliografia
R. Cristofori, Agostino Annibale e Ludovico Carracci, Le stampe della Biblioteca palatina di Parma, Bologna 2005, pp. 316 318, n. 10 - 10b