San Gerolamo

60f415606e15f700077d550e

San Gerolamo

Inventario
5009
Categoria:

Notizie storico artistiche

Inventore
Carracci Ludovico (Bologna 1555-1619)
Disegnatore
Mellini Nicola
Luogo e anno di edizione
1800
Tecnica e supporto
Acquaforte
Misure foglio (in mm)
442 x 282
Misure immagine (in mm)
404 x 278
Iscrizioni incise
verso a matita rossa CRB 5009 marca della Cassa di Risparmio di Bologna con all'interno: 444 Ca cancellato
Notizie storico critiche
Il quadro di San Gerolamo dipinto da Ludovico Carracci in casa Monti è andato perduto, questa incisione dedicata al Francesco Monti Bendini, e quella più nota attribuita a Ludovico Mattioli, derivante dal San Gerolamo dipinto in casa Sampieri (Bologna PN 5273), sono estremamente importanti poichè documentano due opere disperse di Ludovico. Anche Sir Joshua Reynolds, durante il suo viaggio in Italia, disegnò nel suo taccuino due rapidi schizzi del San Gerolamo di casa Sampieri e di quello di casa Monti (G. Perini, Sir Joshua Reynolds a Bologna (1752) Considerazioni preliminari ad una edizione critica dei taccuini di viaggio basate sul taccuino conservato al Sir John Soane's Museum di Londra, in "Storia dell'Arte", 1991, pp. 361 - 412). Loisel ha recetenemente ritrovato un disegno dal vero a matita nera che ritrae un vecchio seduto con un libro sulle ginocchia conservato nella collezione Fanchsenfeld di Stoccarda (C. Loisel, A portrait by Ludovico Carracci at Christ Church, Oxford. His Early Chronology reconsidered, in "Apollo", March 2000, p. 27) certamente opera di Ludovico preparatoria per il dipinto Monti. Dal catalogo Fasella non risulta la valutazione dell'incisione
Bibliografia
G. Perini, "L'uom più grande in Pittura che abbia avuto Bologna": l'alterna fortuna critica e figurativa di Ludovico Carracci, in A. Emiliani (a cura di), Ludovico Carracci, cat. mostra, Bologna 1993, p. 343, n.79 A. Brogi, Ludovico Carracci, Bologna 2001, p.272, p. 298