Antonio Populier

60f415616e15f700077d6608

Antonio Populier

Inventario
F34498
Categoria:

Notizie storico artistiche

Inventore
dell' Abate Nicolò (Modena 1509 o 12-Francia 1571)
Disegnatore
Calvi Jacopo Alessandro (Bologna 1740 – 1815)
Luogo e anno di edizione
Bologna, XVII sec.
Tecnica e supporto
Bulino
Misure foglio (in mm)
267 x 166
Fondo/Raggruppamento
Notizie storico critiche
Già citato dal Malvasia, se ne parla più compiutamente nell'Informazione alli forestieri delle cose più notabili della città, e stato di Bologna di Francesco Longhi (1773). In cui si narra che Populier, uomo di dimensioni enormi accompagnò Carlo V nella sua cavalcata trionfale in Bologna nel 1530, armato di una lunga lancia, montava un cavallo altrettanto grande, bardato di ricchi ornamenti, e sopra il cavaliere i servi portavano un baldacchino in seta con le due aquile imperiali. Alla sua partenza Carlo V lo lasciò a Bologna perché infermo tanto che dopo poco mori, fu sepolto nella chiesa di San Lorenzo. Niccolò dell'Abate vi dipinse un affresco che ritraeva la possente figura all'interno di una nicchia, in piedi e con la lancia. Nel Settecento poiché l'affresco si trovava in cattive condizioni il proprietario della cappella attigua, Virginio Guicciardini, lo fece restaurare da Lionello Spada. Fu per ricordare tale occasione che venne verosimilmente tratta questa incisione realizzata quasi certamente su commissione dello stesso Virginio Guicciardini.
Formatosi alla scuola di A. Begarelli, allora famoso a Modena, Nicolò dell'Abbate ricevette questa commissione in giovane età, nel 1530.