Aurora e Cefalo

60f415606e15f700077d528d

Aurora e Cefalo

Notizie storico artistiche

Inventore
Carracci Annibale
Disegnatore
BalestraGiovanni
Luogo e anno di edizione
Firenze,1828
Tecnica e supporto
bulino e acquaforte
Misure foglio (in mm)
380 x 529
Misure battuta (in mm)
328 x 486
Misure immagine (in mm)
249 x 441
Iscrizioni incise
recto: timbro a secco 4837 e timbro a secco con sigla NP all'interno e un altro CDB marca della Cassa di Risparmio di Bologna con all'interno il n. 4385 Ca cancellato
Notizie storico critiche
Allievo dei Remondini a Bassano si perfezionò sotto la direzione di Suntach. Dal 1803 è a Roma dove si dedica principalmente alle stampe da antichi maestri, in special modo da Raffaello. Riprodusse anche sculture di Canova e Thorwaldsen. La stampa deriva dall'affresco della Galleria Farnese, copiato da numerosi incisori tra cui si ricordano: Jacque Belly, Carlo Cesi, Le Febure, Pietro Aquila, François e Jean Baptiste Poilly, Domenico Cunego e alltri. Questa copia tarda non annoverata nei repertori viene ad essere la decima ad oggi identificata. COPIE DELLA GALLERIA FARNESE serie complete: 1. Jacques Belly (Chartres 1609 - 1674). La sua serie è la più antica traduzione grafica dell'intero ciclo Farnese 2. Carlo Cesi (Antrodoco 1625 - Rieti 1686) 3. ? Le Febure (secolo XVII) 4. Pietro Acquila (Marsala 1650 ca.- Alcamo 1682) 5. Francois Poilly (Parigi - 1669 - 1728) 6. Karl Remshard (Augsburg 1678 - 1735) 7. Giovanni Volpato (Bassano 1740 - Roma 1803) particolari: 1. Nicolas Mignard (Troyes 1606 - Parigi 1668). tre stampe relative agli affreschi della Galleria 2. Anonimo (secolo XVII) 3. Louis de Chantilon (Sainte Menehould 1639 - Parigi 1734) 4. Giovanni Battista Gallestruzzi (Firenze 1618 - Roma 1677 ca.) 5. Simon Thomassin (Troyes 1652 - Parigi 1732) 6. Domenico Cunego (Verona 1727 - Roma 1784) 7. Pietro Bettelini (Lugano 1763 - Roma 1829) 8. Anonimo (secolo XVIII) 9. Jules Jacquet (Parigi 1846 - 1913) *10. Giovanni Balestra (Bassano 1774 - Roma 1842) (Bologna FCRB 4837)
Soggetto o iconografia
Aurora tenta di rapire Cefalo, lasciando nel sonno il vecchio Titone, suo marito.
Bibliografia
inedita