Beata Vergine del Sasso

60f415616e15f700077d6591

Beata Vergine del Sasso

Inventario
F31747
Categoria:

Notizie storico artistiche

Inventore
Anonimo
Disegnatore
Anonimo
Luogo e anno di edizione
XVIII
Tecnica e supporto
Xilografia
Misure foglio (in mm)
279 x 200
Fondo/Raggruppamento
Notizie storico critiche
La prima testimonianza che assicura la presenza del culto della Madonna del Sasso, la troviamo sopra la porta dell'oratorio che Giovanni da Panico aveva fatto costruire sotto la rupe: "Ad honorem Dei Omnipotentis / et Beatae Mariae Virginis / ecclesia haec facta / anno Domini MCCLXXXIII / indictione undecima / per fratrem Joannem de Panico" [In onore di Dio Onnipotente e della Beata Vergine Maria questa chiesa fu fatta nell'anno del Signore 1283 da Frà Giovanni da Panico]. L'oratorio, ricavato a forza di scalpello dentro il Sasso, era dedicato all'Annunciazione e non aveva anticamente che un solo altare. Nel 1379 il Card. Filippo Carafa, vescovo di Bologna, cedeva il patronato alla Parrocchia di S. Lorenzo Castel del Vescovo. Nel 1477 Nicolò Sanuti Conte della Porretta, fece ampliare e decorare la grotta. Sull'altar maggiore si venerava l'immagine della Vergine scolpita in terra cotta di alto rilievo. La Madonna era raffigurata con le mani giunte in atto di adorare Gesù che le giaceva sulle ginocchia. L'immagine era poi ricca di preziosi ornamenti ed attorno all'immagine c'era un quadro coi 15 misteri mariani dipinti. Nel gennaio 1787 una grande falda di roccia si staccò nella grotta rendendola inagibile, il 13 maggio successivo la sacra immagine abbandonò definitivamente la sua grotta e fu solennemente trasportata nell'oratorio della Villa Ranuzzi dove vi rimase per 44 anni. Durante questo periodo fu costruito il nuovo Santuario, su un terreno offerto dal Conte Ranuzzi, che fu consacrato nel 1831. Durante la guerra il Santuario andò completamente distrutto, ad eccezione dei due campanili, e distrutta fu anche l'immagine della Madonna. Al termine della guerra la chiesa fu ricostruita così come oggi si può ammirare.