Dedalo e Icaro

60e3353be3e2f0000732cd7b

Dedalo e Icaro

Notizie storico artistiche

Datazione
Firma
Firma incisa sul fianco destro
Tecnica e supporto
Marmo
Misure (in cm)
180x80x62
Iscrizioni
"martini" sul fianco destro
Notizie storico critiche
Esemplare unico in marmo di Carrara esposto per la prima volta alla III Quadriennale di Roma nel 1939. Assieme alla Carità, già di proprietà delle Collezioni della Fondazione Carisbo, è l'unico particolare in marmo tratto dal grande altorilievo "La Giustizia Corporativa" collocato nel 1937 nel Palazzo di Giustizia di Milano. Si tratta di una delle rare opere in marmo, materiale al quale Martini giunse tardi, dopo il ciclo della grandi Terrecotte. Il gruppo scultoreo è lavorato "alla prima", senza cioè l'impiego del modello in gesso, cosa che fa sì che l'opera sia da considerarsi un originale anche rispetto al più grande rilievo milanese. Libera nello spazio, estratta dal contesto, l'opera acquista potenza e respiro. La diversa lavorazione del marmo poi, scabra nel fondo e levigata nelle figure, come anche nella già citata Carità, fa pensare che l'artista si sia ispirato al non-finito michelangiolesco.
Soggetto o iconografia
Due figure, un adulto seduto su una roccia, tiene un braccio alzato mentre con l'altro abbraccia il giovane ragazzo al suo fianco, quest'ultimo raffigurato in piedi che tiene tra le mani un paio di ali. Entrambi rivolgono lo sguardo al cielo.
Bibliografia
G. Vianello, N. Stringa, C. Gian Ferrari, Arturo Martini: catalogo ragionato delle sculture, Vicenza, 1998 (con bibl. precedente); N. Stringa (a cura di), Arturo Martini Creature. Il sogno della terracotta, Bologna 2013, p.106; L. Regano, in Antico e Moderno, Bologna 2014, pp. 262-265; E. Pontiggia, Arturo Martini. La vita in figure, Cremona 2017, p. 203; Arturo Martini e il monumento per i Palazzo di Giustizia a Milano, Livorno 2018, p. 23;
Mostre
III Quadriennale di Roma (Roma,1939)
Note
Esposta in permanenza presso la galleria di Casa saraceni, in via Farini, 15 (Bologna).
Peso stimato: 1000 kg.