Fiume Reno

60efe1ed774314000775f021

Fiume Reno

Inventario
M969 (rep. 3/148)
Categoria:

Notizie storico artistiche

Tecnica e supporto
Penna acquerellata
Misure foglio (in mm)
250x351
Iscrizioni
Fiume Reno
In alto a sinistra: "34"

Notizie storico critiche
Giacomo Savini fu un pittore bolognese attivo a cavallo del Sette e Ottocento. Scarse le notizie su di lui. Apprezzato paesaggista e vedutista sulla scia di Antonio Basoli, fu allievo di Vincenzo Martinelli. Fu noto per le decorazioni ad affresco a 360°, cioè su ogni parete della stanza in modo che il dipinto potesse svolgersi in continuità. Ha lavorato alla Certosa di Bologna dove ha collaborato con Flaminio Minozzi e Giovanni Putti, a Palazzo Salina Brazzetti, a Palazzo Angelelli, a S. Paolo in Monte e in molte case bolognesi. Per il resto l'immagine del Savini è affidata ai dipinti della Galleria Davia Bargellini, raccolti da Giuseppe Davia e alla serie di fogli conservati nelle collezioni della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. Ma il suo capolavoro è senza dubbio la "stanza a paese" dipinta per un altro Davia, il Marchese Virgilio, all'interno del suo palazzo, secondo un'usanza tipica locale. Nota è anche la sua attività di scenografo teatrale, soprattutto per il teatro di Castel San Pietro. Sul "Caffè di Petronio" comparve un articolo su di lui il 20 novembre 1840. Un altro breve profilo a firma di Paolo Zauli è stato pubblicato su la Strenna storica bolognese del 1980.
Come già in altri casi questo disegno fu attribuito al Fancelli mentre Franca Varignana ha preferito assegnarlo al Savini.
Soggetto o iconografia
Veduta di un ampio panorama con un albero in primo piano e a destra l'alveo di un fiume che corre verso il fondo sulla cui riva stanno due figure e a fianco un sentiero che ne accompagna l'andamento su cui sta un viandante.
Bibliografia
F. Varignana (a cura di), Le Collezioni della Cassa di Risparmio in Bologna - I disegni 3. dal paesaggio romantico alla veduta urbana, Bologna 1977.