I soldati tirano a sorte sulla tunica di Cristo

60f415616e15f700077d6131

I soldati tirano a sorte sulla tunica di Cristo

Notizie storico artistiche

Inventore
Barbieri Giovan Francesco (detto Guercino) (Cento 1591 - Bologna 1666)
Disegnatore
Pasqualini Giovan Battista
Luogo e anno di edizione
1625
Tecnica e supporto
Bulino
Misure foglio (in mm)
314 x 440
Misure battuta (in mm)
194 x 237
Notizie storico critiche
L'incisione è firmata da Giovan Battista Pasqualini, allievo di Oliviero Gatti, uno dei maggiori traduttori delle invenzioni del Guercino, a partire dal 1618, quando viene chiamato a Cento dallo stesso protettore del pittore, padre Antonio Mirandola, fino al 1631, quando la peste lo uccide. Della sua attività incisoria resta un corpus di 67 incisioni, che documentano anche la fase produttiva del giovane artista. L'episodio rappresentato, tratto dal ciclo della Passione di Cristo, con i soldati che tirano a sorte sulla tunica di Cristo, è in relazione con un disegno del maestro centese conservato al Windsor Castle (inv. 2757), del quale esiste anche un dipinto con leggere varianti (come il berretto indossato dal soldato di sinistra) attribuito a un artista erede del Guercino e di Pier Francesco Mola, oggi in collezione privata.
Bibliografia
L. Cremonini e E. Cavalleri, a cura di Sacro e profano nelle incisioni da Guercino (Cento 1591-1666), cat. mostra, Bologna, 2006; Elena Russo, a cura di, Il Guercino e la sua bottega: mostra delle incisioni, Ferrara, 1991; E. Negro, M. Pirondini, N. Roio, La scuola del Guercino, Modena, 2004, pp. 22-23, nn. 57-59; Tuner, Guercino and Pasqualini's Working Proofs, in "Print Quarterly", XIII, 3, 2006, pp. 239-250.