L'elemosina di san Rocco

60f415606e15f700077d5264

L'elemosina di san Rocco

Inventario
4813
Categoria:

Notizie storico artistiche

Inventore
Carracci Annibale
Disegnatore
Anonimo (secolo XVII)
Tecnica e supporto
acquaforte
Misure foglio (in mm)
281 x 453
Misure immagine (in mm)
281 x 453
Iscrizioni incise
sul recto a matita elemosina di s. Rocco di Guido Reni Sul verso in alto a destra: marca della Cassa di Risparmio di Bologna con all'interno il n. 357 a fianco a matita 3, 75 F. 6 6a
Notizie storico critiche
La stampa deriva da uno dei dipinti più importanti per la storia del classicismo seicentesco, commissionato ad Annibale nel 1588 dalla Confraternita di S. Rocco per la chiesa di San Prospero in Reggio Emilia, ma eseguito verso il 1595, poco prima che questi si trasferisse a Roma. Nel 1661 il grande dipinto fu trasferito nella raccolta Ducale di Modena e dal 1746 si trova preso la Galleria Reale di Dresda. La sua complessità attrasse fin da subito l'interesse di studiosi, artisti e incisori come dimostrano le molteplici traduzioni che ne vennero fatte. Questa incisione che si contraddistingue dalle altre copie per l'ottima qualità del segno appartiene ad una mano differente dalle successive, più attenta alla resa dei particolari descrittivi quali dettagli anatomici e panneggi, e nella resa del chiaroscuro. Curioso il fatto che in antico è stato applicato in alto, a sinistra a tamponare una delle arcate, un piccolo quadretto di san Gerolamo in meditazione di Agostino Carracci. Dal catalogo Fasella non risulta la valutazione dell'incisione STATI S1. Bartsch cita uno stato ante litteram assai raro S2. Il secondo stato reca le scritte in basso a sinistra: Anibal Car. invent./ al centro: P. Stephanonius formis cum privilegio/ a destra: 1610. Occorre segnalare che esistono esemplari di secondo stato ritoccati come fossero di primo. (Bologna FCRB 4711, 4817 stampa a inchiostro rosso mai segnalata nei repertori, 4818) COPIE DAL DIPINTO DI ANNIBALE C1. Guido Reni (Bologna 1575- 1642) C2. Baldassarre Aloisi (Bologna 1578 - 1638) C3. Anonimo del XVII secolo (Bologna FCRB 4813) C4. Bernardino Curti (Reggio Emilia, secolo XVII) C5. Farnçois Langlois (Chartres 1589 - Parigi 1647) (Bologna FCRB 4816) *C6. Copia dall'esemplare di Langlois repertoriata qua per la prima volta. (Bologna FCRB 4814) C7. N. Cochin (secolo XVIII) C8. Giuseppe Camerata (Venezia 1718 - Dresda 1803)
Bibliografia
F. Scannelli, Il microcosmo della pittura, 1657, p. 340 G. P. Bellori, Le vite de' pittori, scultori ed architetti moderni..., Roma 1672, ed. 1976, pp. 41, 100, 490 E. Basan, Dictionnaire des graveurs anciens et modernes depuis l'origine de la gravure, avec une notice des principales estampes...Premiere partie (Seconde partie), Paris 1767, p. 87 L. Crespi, Vite de' pittori bolognesi non descritte nella Felsina pittrice, Roma 1769, p. 77 K.H. von Heinecken, Dictionnaire des artistes, dont nous avons des estampes, avec une notice détaillèes de leurs aovrages gravé. Tome troisieme contenent les lettres Bla-Caz, a Leipzig 1789 III, p. 669 G. Gori Gandellini, Notizia istoriche degl'intagliatori. Opera di Gio. Gori Gandellini Sanese, Siena 1808, XVIII, p. 126 A. Bartsch, Le Peintre Graveur, Vienne 1818, XVIII, p. 305, n. 53 Le Blanc, Manuel de l'amateurd'estampes, contenant ..., Paris 1856, III, p. 320 E. Bodmer, Bemerkungen zu Annibale Carraccis Graphiskem Werk, in "Die Graphischen Kunste" 3, 1938, pp. 111-112 M. Calvesi, V. Casale, Le incisioni dei Carracci, Catalogo mostra, Roma Calcografia Nazionale, Roma 1965, p. 66, n. 290 D. Posner, Annibale Carracci. A study in the reform of italian painting around 1590, 2 voll. Londra New York 1971, vol. II, p. 37 G. Gaeta Bertelà (a cura di), Pinacoteca Nazionale di Bologna. Gabinetto disegni e stampe. Incisori bolognesi ed emiliani del sec. XVII, Bologna 1973, n. 892 The Illustrated Bartsch, Italian Master of the sixteenth and seventeenth century, Veronika Birke, New York 1982, 40, p. 204, n. 53 E. Borea, G. Mariani, Annibale Carracci e i suoi incisori, cat. mostra, Roma 1986, pp. 65-66