Mosè fa sgorgare l'acqua nel deserto

60e84f40e3e2f0000732dc31

Mosè fa sgorgare l'acqua nel deserto

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Olio su tela
Misure (in cm)
134,5x107,5
Fondo/Raggruppamento
Notizie storico critiche
L'opera illustra un episodio del Vecchio Testamento. Mosè, riconoscibile per i raggi di luce sul capo, punta la verga e fa sgorgare acqua da un ruscello con il quale disseta il popolo ebreo nel deserto.
Forma un dittico con l'altro dipinto del Zola, Eliezer e Rebecca al pozzo, conservato presso la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, anch'esso proveniente dalla Collezione della famiglia Di Marzio-Gaist, in cui il tema dell'acqua appare come principio unificante e dove l'ampio paesaggio funziona come denominatore compositivo comune. E' proprio il modo di comporre le figure con il paesaggio che richiama la mano di Giuseppe Zola, il più noto paesista attivo a Ferrara nei primi decenni del Settecento, in cui la peculiare gamma cromatica denota la conoscenza dell'artista della pittura veneta.
Bibliografia
A. Mazza in Antico e Moderno, Bologna 2014, pp. 508-510; A. Mazza, La Donazione Maria Antonietta di Marzio Gaist. In onore del professore Quirino Di Marzio, Bologna 2016, pp.30-32;
Mostre
Antico e Moderno - le donazioni (Bologna, 2014); Opere d’arte dalla Collezione Di Marzio Gaist e dalla Collezione Molinari Pradelli. Una donazione e un’acquisizione per la Storia di Bologna (Bologna, 2016);