Pianta della Cisterna nel giardino del Palazzo Publico

60f415616e15f700077d6332

Pianta della Cisterna nel giardino del Palazzo Publico

N° Inventario
F30788
Categoria:

Notizie storico artistiche

Disegnatore
Cavazzoni Angelo Michele (Bologna 1672-1743)
Luogo e anno di edizione
Bologna
Tecnica e supporto
acquaforte
Misure foglio (in mm)
580 x 405
Fondo/Raggruppamento
Notizie storico critiche
Angelo Michele Cavazzoni nacque a Bologna nel 1672 , e vi morì nel 1743. Fu allievo di G. G. Santi e studioso delle opere dei Carracci a S. Michele in Bosco e a palazzo Fava. Ricoprì diverse cariche all'interno dell'Accademia Clementina. Come attestano Zanotti e Crespi, suoi biografi, Fu soprattutto un copista. Sono infatti ricordate le copie delle seguenti opere: Ratto delle Sabine di G. G. Dal Sole (che gli fece incidere due suoi dipinti e presso il quale studiò); Resurrezione e Figliolprodigo di Annibale Carracci; la Turbantina, "l'arco" di S. Michele in Bosco (cioè il perduto dipinto del chiostro figurante S. Benedetto riceve i doni dei contadini:Gatti) ed altri dipinti di G. Reni; Maddalena di casa Angelelli di G. Cagnacci (due volte); Visione di Giacobbe, Abramo e gli Angeli, Mosè rimprovera gli Ebrei di Lodovico Carracci. Eseguì copie anche dal Cantarini, ma la sua impresa maggiore, che lo impegnò a lungo, furono le copie degli affreschi dei Carracci di palazzo Magnani (Orlandi).
Ebbe anche un'attività di prospettico poiché eseguì per il senatore Bargellini "più di cento disegni" (Crespi) dei principali monumenti architettonici di Bologna, alcuni dei quali furono anche incisi. Per Benedetto XIII disegnò la cappella dell'Arca di S. Domenico, e collaborò con M. A. Chiarini alla realizzazione dei suoi disegni di fabbriche.

Sul prospetto della cisterna, scudo con lo stemma della città di Bologna. In calce all'immagine scala di misurazione "di piedi quindeci"
La cisterna, costruita nel 1568, fu trasferita dal Palazzo Comunale all'Accademia di Belle Arti nel 1886