Sagrato e chiesa di S. Gregorio dei Mendicanti

624c1eb5db82350007c58f3b

Sagrato e chiesa di S. Gregorio dei Mendicanti

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Tempera su tela
Misure (in cm)
75x120
Notizie storico critiche
Il dipinto, una sovraporta, fa parte di una serie di tempere dette della Sampiera (n. di inv. 59-68), dal nome della Villa per cui vennero realizzate. La villa era di proprietà dei Boschi. Successivamente adornarono la sede della Cassa di Risparmio in Bologna e poi quella della Fondazione omonima dove sono tuttora conservate. Fino al 2004 il nome di Vincenzo Martinelli era sostituito da Carlo Lodi, suo maestro. la nuova attribuzione di deve agli studi di O. Bergomi (vedi Bibliografia).
È riferibile a questi dipinti il pagamento effettuato il 10 novembre 1762 dal marchese Valerio Boschi a Vincenzo Martinelli per “5 Sopra Porte, dipinti a Paese con Macchie”
Soggetto o iconografia
In primo piano figure che camminano su una strada che porta al Sagrato di San Gregorio rappresentato con porticato ad angolo. L'immagine urbanistica è resa con grande minuzia.
Bibliografia
G. Zucchini, Le tempere della Sampiera, in: Atti e Memorie della Deputazione della Storia Patria per le Province della Romagna, Bologna, 1953, p. 12; F. Varignana, Le collezioni d'arte della Cassa di Risparmio in Bologna - I DIPINTI, Bologna, 1972, p. 383; A. Vianelli, L'impegno della Cassa di Risparmio in Bologna per una moderna museografia, in Il Carrobbio 1984, p. 353; F. Varignana, Le collezioni d'arte della cassa di Risparmio in Bologna - Dipinti dal XVII al XX Secolo, Bologna, 1998, p. 40-49; O. Bergomi, Le Tempere della Sampiera, in: D. Lenzi, Arti a confronto, Bologna 2004, p. 359-363; M. Milani, in: Le Collezioni d'Arte della Cassa di Risparmio in Bologna e della Banca Popolare dell'Adriatico, a cura di A. Coliva, Milano, 2005, p. 156 (vedi bibliografia dettagliata); Collezione dei dipinti della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Bologna 2011
Mostre
Le casa italiana nei secoli (Firenze, maggio 1948); L'arte del Settecento emiliano (Bologna, 1979); Omaggio a Bologna, materiali per un'immagine della città e del territorio (Bologna, 1980); Le Collezioni d'Arte della Cassa di Risparmio in Bologna - Dipinti dal XVII al XX secolo (Carpi, 1998); Collezione dei dipinti della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna (Bologna, 2011-2012)
Note
Otto di queste tempere furono acquistate dalla Cassa di Risparmio in Bologna nel 1941 per interessamento dell’ing. Guido Zucchini, illuminata personalità che contribuì alla formazione delle raccolte d’arte dell’istituto di credito bolognese; altre due furono donate dalla contessa Grottanelli-Boschi. Recente è invece l’acquisizione della pittura ad olio con la Natività della Vergine.