Madonna col Bambino e Santa Cecilia

60e84f2de3e2f0000732d9c3

Madonna col Bambino e Santa Cecilia

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Olio su tavola
Misure (in cm)
55x44; con cornice: 76,5x66x6
Fondo/Raggruppamento
Notizie storico critiche
Già segnalata in una collezione privata di Berlino, questa Madonna col bambino rivela una qualità pittorica assai elevata, dovuta in gran parte all'intervento diretto del Francia coadiuvato probabilmente da un suo allievo la cui mano è riconoscibile in altre Madonne simili. Si ispira alla cosiddetta "Madonna Bianchini", oggi alla Gemaldegalerie di Berlino, così chiamata perchè dipinta per Bartolomeo Bianchini, amico e poeta dell' artista. Le affinità sono talmente tante da non escludere che sia stato usato lo stesso disegno preparatorio. Il paragone con le fisionomie di altre tavole consentono di datare l'opera tra il 1490 e il 1500. Incerta rimana l'identità della Santa, forse Cecilia che così viene sovente rappresentata, anche nell'Oratorio omonimo di Bologna affrescato dallo stesso Francia insieme al Costa e all'Aspertini. Il suo sguardo verso l'esterno però potrebbe far pensare anche al ritratto della committente, forse fattasi immortalare nelle vesti della santa di cui magari portava lo stesso nome.
Soggetto o iconografia
Al centro la Vergine, ritratta a mezzo busto col capo coperto dal classicho manto azzurro. Cinge con un braccio Gesù Bambino, in piedi su di un ripiano, che sembra appoggiarsi alla madre voltando la testa verso destra. A sinistra, un po' arretrata, un'altra figura di donna, forse Santa Cecilia, col capo coronato di fiori e in una mano un ramo di palma. Alle loro spalle, com'è consueto nel Francia, si apre un vasto panorama fantastico.
Bibliografia
E. Negro, N. Roio, Francesco Francia e la sua scuola, Modena, 1998, p. 132; N. Roio in: B. Buscaroli (a cura di), Quattro dipinti emiliani, Bologna 2006, pp.10-18; A. Mazza in Antico e Moderno, Bologna 2014, pp. 470-475;
Mostre
Quattro dipinti emilani (Bologna, 2006; 2011); Antico e Moderno - Le donazioni (Bologna, 2014);