Antonio Celestino Simonini - Composizione con strumenti musicali - s.d.

60f6ddcc3c12a10007f19a51

Antonio Celestino Simonini - Composizione con strumenti musicali - s.d.

Inventario
FF 4132-007

Notizie storico artistiche

Datazione
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/ vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
18x24
Indicazione di colore
B/N
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Arte - Pittura - Pittura astratta - Artisti - Pittori - Simonini, Antonio Celestino
Bibliografia
Frisoni Cinzia (a cura di), Bologna s'industria. La rinascita economica dal secondo dopoguerra agli anni '80 nelle immagini dell'archivio Fototecnica, Santarcangelo di Romagna, 2019; si segnala la mostra "Una multipla solitudine", a cura di Ilaria Sita (opere dalla collezione di Giancarlo Fortini), Castelfranco Emilia, dicembre 2017/ gennaio 2018.
Note
Antonio Celestino Simonini nasce a Castelfranco Emilia il 17 gennaio 1927, città in cui vive e opera fino alla
scomparsa, avvenuta nel 2007. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Bologna, segue i corsi di Virgilio Guidi,
Pompilio Mandelli e Giorgio Morandi e consegue un primo diploma come pittore e incisore. In seguito, prende
lezioni di decorazione artistica da Giovanni Romagnoli, quindi ottiene il diploma in scultura e ceramica presso
la scuola di Biancini e Bedronici. Nel corso della sua lunga carriera artistica ha partecipato a mostre collettive e personali. Attivo a livello locale nel comune di Castelfranco Emilia ha contribuito alla costituzione del Museo della Civiltà Contadina di Villa Sorra, della Raccolta Civica e del Museo Civico Archeologico, oggi a lui intitolato. Nel fondo Fototecnica l'artista è presente con una sola scatola di opere ascrivibili ai primissimi anni Settanta (alcune datate 1971).