Autoemoteca AVIS - Sezione provinciale Bologna - Carrozzeria Orlandi - Rangoni e Puricelli

60f6ddca3c12a10007f17ecf
1
60f6ddca3c12a10007f17ed0
2

Autoemoteca AVIS - Sezione provinciale Bologna - Carrozzeria Orlandi - Rangoni e Puricelli

N° Inventario
FF 1309-003/007

Notizie storico artistiche

Data della ripresa
1958/01/13
Oggetto
Negativo
Misure immagine (in cm; hxb)
24x18
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Mezzi di trasporto - Autoveicoli - Carrozzeria Orlandi - Servizi sanitari pubblici - Trasfusioni di sangue - Emoterapia - Prodotti biomedicali - Rangoni e Puricelli
Bibliografia
Pezzella Letizia, Fototecnica Artigiana e Fototecnica Bolognese. Industria, artigianato e commercio nel fondo fotografico del Museo del Patrimonio industriale, in "Scuola officina", n. 2, luglio-dicembre 2007, pp. 4-7; Massimiliano Boni, La Carrozzeria Orlandi di Modena: 140 anni di storia e prospettive future. Tesi di laurea, Facoltà di Economia e Commercio, 1999; Curti Roberto, La Rangoni ai raggi X. Cent'anni di produzione a Bologna di apparati elettrici per uso medico, in "Scuola officina", n. 1, gennaio-giugno 2002, pp. 4-10
Note
Nel 1953 nasce l'Avis Provinciale Bologna, per coordinare e organizzare le attività di donazione di sangue. Il 12 ottobre 1957 viene inaugurata a Palazzo d’Accursio l’autoemoteca, il primo centro di raccolta mobile dell’Avis Provinciale. L'autoveicolo su cui è caricata tutta l'attrezzatura sanitaria è un Fiat 642RN con carrozzeria prodotta dall'Officina Orlandi di Modena. Il servizio fotografico è costituito da 12 riprese del veicolo in un contesto identificabile con l'esterno della ditta Rangoni e Puricelli (a San Lazzaro di Savena) che fabbricava proprio in quegli anni strumenti biomedicali (si veda la scheda 1309_011 in cui è visibile il prospetto dello stabilimento). Si tratta pertanto di una sinergia tra aziende diverse che concorrono alla realizzazione di questo veicolo sanitario dedicato alla raccolta mobile di plasma (due particolari dell'abitacolo e posto di guida). Sui pergamini originali che contenevano le lastre è presente un timbro con la data 13 gennaio 1958.