Bo. Palazz. Viola - Atteone assalito dai cani (Inn.zo da Imola)

60f6e1433c12a10007f1dde9

Bo. Palazz. Viola - Atteone assalito dai cani (Inn.zo da Imola)

Notizie storico artistiche

Datazione
Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
1896-1907
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
20,8x26,8
Indicazione di colore
B/N
Soggetto o iconografia
Bologna - Palazzi - Palazzina della Viola - Pittura - Affreschi - Loggia - Francucci, Innocenzo (Innocenzo da Imola) - Atteone assalito dai cani
Bibliografia
Franco Cristofori, Giancarlo Roversi, a cura di, Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1980; Giuseppina Benessati, Angela Tromellini, Fotografia & Fotografi a Bologna, 1839-1900, Casalecchio di Reno, Grafis, 1992; Franca Varignana, Pietro Poppi “Peintre-Photographe” in Andrea Emiliani, Italo Zannier, a cura di, Il tempo dell'immagine: fotografi e società a Bologna 1880-1980, Torino, SEAT, 1993, pp. 55-70; Fabio Marangoni, Pietro Poppi (1833-1914) fotografo bolognese dell’Ottocento, tesi di laurea in Storia dell’Arte Contemporanea, Università degli studi di Bologna, relatore Stefano Susinno, a.a. 1998/1999
Note
La lastra non compare in nessun catalogo a stampa. Da ascriversi alla fase finale della produzione del fotografo, tra il 1896 (anno di pubblicazione della seconda appendice al Catalogo Generale del 1888) e il 1907, anno di cessione dell'attività. L’edificio, realizzato alla fine del XV secolo per volontà di Annibale Bentivoglio come casino di delizia, presenta un impianto quadrangolare e tre prospetti alleggeriti da un armonioso duplice loggiato. Nel 1540 il cardinale Bonifacio Ferrerio acquisisce la villa per adibirla a sede dell’omonimo collegio per studenti piemontesi soppresso in epoca napoleonica. Agli anni ’40 del ‘500 risalgono gli affreschi eseguiti nelle logge da Innocenzo da Imola, con scene mitologiche.
La lastra presenta fascetta originale con aggiunta dattiloscritta F.P.