Bologna 1903-04 - Il colpo del...progresso

60f6db2a3c12a10007f16cd6

Bologna 1903-04 - Il colpo del...progresso

Inventario
BRI 01788, BRI 01789
Categoria:

Notizie storico artistiche

Timbro di spedizione (Luogo e data)
Bologna, 29.10.1903
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
litografia policroma, cartolina postale
Orientamento
verticale
Misure immagine (in cm; hxb)
9x14
Indicazione di colore
policromia
Iscrizioni
L'esemplare contrassegnato con il n. inv. BRI 01789 è viaggiato verso Bologna. Il timbro di spedizione non è leggibile completamente. L'altro, sul recto, subito sotto la didascalia, reca il timbro di Ulisse Topi, probabile precedente collezionista.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Bologna 1903-04 - Il colpo del...progresso
Bibliografia
La cartolina è stata pubblicata in: Antonio Brighetti - Franco Monteverde, "Bologna nelle sue cartoline", Cuneo, L'Arciere, 1986, vol. 1, pag. 39.
Note
All'inizio del Novecento l'Amministrazione bolognese iniziò a valutare l'idea di elettrificare il servizio dei tram. A questo punto, la società concessionaria Les Tramways de Bologne si impegnò ad eliminare la trazione con i cavalli sostituendola con quella elettrica.
Furono così costruite una centrale a vapore e una rimessa adatta al ricovero e alla riparazione delle nuove vetture presso il vecchio deposito della Zucca. Questa centrale serviva anche per la produzione dell'energia elettrica.
Le prime corse di prova furono effettuate l'11 e il 19 dicembre 1903 sulla linea tra la stazione ferroviaria e Porta Santo Stefano e sulle linee da via Castiglione, via D'Azeglio e Porta Saragozza.
L'11 febbraio 1904 i tram elettrici iniziarono ufficialmente il loro servizio, sulle linee per la stazione e per il deposito della Zucca, con una frequenza di venti minuti, anche di notte.
Le vetture, nove in tutto, erano bidirezionali. Costruite dalle officine Nobili, avevano i terrazzini di accesso completamente aperti. Un minimo riparo al conducente con l'aggiunta di pannelli frontali sarebbe stato realizzato solo nel 1910, e dopo uno sciopero dei conducenti.