Bologna - DKW - Concessionario Cavani - Motoleggera

60f6ddcb3c12a10007f18f3f
1
60f6ddcb3c12a10007f18f40
2

Bologna - DKW - Concessionario Cavani - Motoleggera

Inventario
FF 3349-178/179

Notizie storico artistiche

Data della ripresa
1953-1957
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/ vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
18x24
Indicazione di colore
B/N
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Industria motociclistica - Motociclette - Motoleggere - DKW - Concessionarie - Cavani - Auto Union
Bibliografia
Pezzella Letizia, Fototecnica Artigiana e Fototecnica Bolognese. Industria, artigianato e commercio nel fondo fotografico del Museo del Patrimonio industriale, in "Scuola officina", n. 2, luglio-dicembre 2007, pp. 4-7; Campigotto Antonio, Grandi Maura, Ruffini Enrico, Moto bolognesi del dopoguerra, 2008, pp. 60-61.
Note
Nel 1923 comincia l'attività di Bruno Cavani come rappresentante unico per l'Italia della fabbrica tedesca di automobili e motocicli DKW, con sede in Via Mazzini 174, nell'area tra l'attuale Via Emilia Levante e Via Fossolo. Durante il secondo conflitto mondiale i bombardamenti causarono danni allo stabilimento ma a guerra finita l'azienda si riassestò e nel 1949 Cavani ottenne il brevetto per un telaio interamente prodotto a Bologna. Si realizza quindi la DKW Cavani RT 125W nelle versioni Turismo, Gran Turismo, Sport, Lusso, Corsa. Una curiosità riguarda le DKW vendute in Italia dall'importatore da Cavani, che avevano una ciclistica totalmente diversa dall'originale (a telaio elastico, anziché rigido) sia per evitare i dazi doganali sulle moto d'importazione, sia per migliorare il comfort. Anche il settore auto riprende ma con scarso slancio e l'attività si chiude nel 1957. La rappresentanza DKW passa alla ditta Motoauto, sempre nella sede di Via Mazzini 174. Nell'immagine è visibile sulla motocicletta il marchio Auto Union. Questo marchio nasce in Germania nel 1932 dall'unione delle quattro case automobilistiche tedesche DKW, Audi, Horch e Wanderer. In questo contesto la DKW doveva occuparsi della produzione di moto ed autovetture di fascia bassa; nel 1964 il gruppo Auto Union fu rilevato dalla Volkswagen, con la produzione automobilistica DKW che continuò sino al 1966.