Bologna - DKW - Ingresso dello stabilimento su Via Mazzini - Veduta dopo una nevicata

60f6ddcb3c12a10007f18980

Bologna - DKW - Ingresso dello stabilimento su Via Mazzini - Veduta dopo una nevicata

N° Inventario
FF 2486-013

Notizie storico artistiche

Data della ripresa
1953-1957
Oggetto
Negativo
Misure immagine (in cm; hxb)
18x24
Indicazione di colore
B/N
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Industria motociclistica - Motociclette - Motoleggere - DKW - Industria automobilistica - Concessionarie - Neve
Bibliografia
Pezzella Letizia, Fototecnica Artigiana e Fototecnica Bolognese. Industria, artigianato e commercio nel fondo fotografico del Museo del Patrimonio industriale, in "Scuola officina", n. 2, luglio-dicembre 2007, pp. 4-7; Campigotto Antonio, Grandi Maura, Ruffini Enrico, Moto bolognesi del dopoguerra, 2008, pp. 60-61.
Note
Nel 1923 comincia l'attività di Bruno Cavani come rappresentante unico per l'Italia della fabbrica tedesca di automobili e motocicli DKW, con sede in Via Mazzini 174, nell'area tra l'attuale Via Emilia Levante e Via Fossolo. Durante il secondo conflitto mondiale i bombardamenti causarono danni allo stabilimento ma a guerra finita l'azienda si riassestò e nel 1949 Cavani ottenne il brevetto per un telaio interamente prodotto a Bologna. Si realizza quindi la DKW Cavani RT 125W nelle versioni Turismo, Gran Turismo, Sport, Lusso, Corsa. Anche il settore auto riprende ma con scarso slancio e l'attività si chiude nel 1957. La rappresentanza DKW passa alla ditta Motoauto, sempre nella sede di Via Mazzini 174. La ripresa documenta l'ingresso dell'area aziendale con l'insegna sul cancello.