Bologna, Museo - Stele etrusca: il defunto va agl'Inferi - belva e bambino

60f6e1433c12a10007f1d43a

Bologna, Museo - Stele etrusca: il defunto va agl'Inferi - belva e bambino

Notizie storico artistiche

Datazione
Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
1896-1907
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
26,7x20,9
Indicazione di colore
B/N
Soggetto o iconografia
Bologna - Musei - Museo civico archeologico - Archeologia etrusca - Scultura - Monumenti sepolcrali - Stele figurata (n. 195)
Bibliografia
Franco Cristofori, Giancarlo Roversi, a cura di, Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1980; Giuseppina Benessati, Angela Tromellini, Fotografia & Fotografi a Bologna, 1839-1900, Casalecchio di Reno, Grafis, 1992; Franca Varignana, Pietro Poppi “Peintre-Photographe” in Andrea Emiliani, Italo Zannier, a cura di, Il tempo dell'immagine: fotografi e società a Bologna 1880-1980, Torino, SEAT, 1993, pp. 55-70; Fabio Marangoni, Pietro Poppi (1833-1914) fotografo bolognese dell’Ottocento, tesi di laurea in Storia dell’Arte Contemporanea, Università degli studi di Bologna, relatore Stefano Susinno, a.a. 1998/1999; Cristiana Morigi Govi, Daniele Vitali, a cura di, Il museo civico archeologico di Bologna, Bologna, University press, 1982
Note
La lastra non compare in nessun catalogo a stampa. Da ascriversi alla fase finale della produzione del fotografo, tra il 1896 (anno di pubblicazione della seconda appendice al Catalogo Generale del 1888, dove le lastre del Museo coprono la numerazione 2627-2637) e il 1907, anno di cessione dell'attività.
La stele n. 195 proviene dagli scavi del sepolcreto Certosa (1869), e presenta nel registro inferiore una scena insolita: una belva, forse una lupa, che allatta un giovane, identificato da Pericle Ducati con l'eroe Mileto. Sugli scavi della Certosa si segnala la sezione "La necropoli etrusca nel cimitero comunale della Certosa" in http://memoriadibologna.comune.bologna.it/