Bologna, Museo - Terrecotte di Civita Alba - Fuga dei Galli dal santuario di Delfi

60f6e1433c12a10007f1d45d

Bologna, Museo - Terrecotte di Civita Alba - Fuga dei Galli dal santuario di Delfi

Notizie storico artistiche

Datazione
Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
1896-1907
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
20,8x26,8
Indicazione di colore
B/N
Soggetto o iconografia
Ancona - Musei - Museo archeologico Nazionale delle Marche (già Museo Civico di Bologna) - Archeologia classica - Scultura - Terrecotte - Fregio - Cacciata dei Galli da Delfi - Particolare
Bibliografia
Franco Cristofori, Giancarlo Roversi, a cura di, Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1980; Giuseppina Benessati, Angela Tromellini, Fotografia & Fotografi a Bologna, 1839-1900, Casalecchio di Reno, Grafis, 1992; Franca Varignana, Pietro Poppi “Peintre-Photographe” in Andrea Emiliani, Italo Zannier, a cura di, Il tempo dell'immagine: fotografi e società a Bologna 1880-1980, Torino, SEAT, 1993, pp. 55-70; Fabio Marangoni, Pietro Poppi (1833-1914) fotografo bolognese dell’Ottocento, tesi di laurea in Storia dell’Arte Contemporanea, Università degli studi di Bologna, relatore Stefano Susinno, a.a. 1998/1999
Note
Resti della decorazione fittile di un fregio di tempietto di tipo tuscanico, ritrovati nel 1896 a Civita Alba. Nel fregio viene rappresentata la fuga dei Galli invasori, predoni del santuario di Delfi, avvenuta per intervento divino. Probabilmente queste terrecotte sono da far risalire alla metà del II secolo a.C. L'opera, attualmente trasferita al Museo archeologico Nazionale delle Marche, è ripresa nella collocazione storica presso il Museo Civico di Bologna.
La lastra non compare in nessun catalogo a stampa. Da ascriversi alla fase finale della produzione del fotografo, tra il 1896 (anno di rinvenimento dei reperti e di pubblicazione della seconda appendice al Catalogo Generale del 1888, dove le lastre del Museo coprono la numerazione 2627-2637) e il 1907, anno di cessione dell'attività.