Bologna, nei pressi di via Toscana (?)

60f6d68b3c12a10007f13f4b

Bologna, nei pressi di via Toscana (?)

Inventario
MICH. 0616
Categoria:

Notizie storico artistiche

Datazione
Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
primo decennio sec. XX°
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
stampa su carta
Misure immagine (in cm; hxb)
18x24
Misure negativo (in cm; hxb)
6x7
Indicazione di colore
b/n
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Bologna, via Toscana (?)
Bibliografia
1) Renzo Renzi, "Bologna 1900. Viaggi Fotografici di Giuseppe Michelini (1873-1951)", Bologna, Grafis-Zanichelli, 1980; 2) Attilio Bertolucci, "Italia 1900. Viaggi fotografici di Giuseppe Michelini (1873-1951)", Bologna, Grafis-Zanichelli, 1981; 3) Franca Varignana, "Le collezioni fotografiche bolognesi. Collezioni d'Arte e di Storia Cassa di Risparmio in Bologna" in "Fotografie e fotografi a Bologna 1839-1990" a cura di Giuseppina Benassati e Angela Tromellini, Bologna, Grafis, 1992, pp. 98-100; 4) "Lo specchio d'inchiostro", testo di Michele Smargiassi, immagini d'archivio dalle Collezioni della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna selezionate da Ghigo Roli, Modena, Artioli, 2000; 5) "Domani si parte. Vacanze nel primo Novecento. Fotografie di Giuseppe Michelini dalle Collezioni d'Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale", a cura di Beatrice Buscaroli e Angela Nardi, Bologna, Bononia University Press, 2006.
Note
Nei primi anni del matrimonio con Ines Sarti (avvenuto nel 1904) Giuseppe Michelini visse parte dell'anno nella casa del suocero, Villa Camaldoli (Mazzacorati), in via Toscana. La fotografia potrebbe essere stata scattata proprio nei pressi di quest'ultima strada, allora sterrata. La via porta quel nome proprio perché nei secoli costituì la principale direttrice di comunicazione tra Bologna e la omonima regione confinante. Nel 1948 il tratto tra Porta Santo Stefano e la località Chiesanuova venne intitolato al prof. Augusto Murri, che vi aveva abitato per lungo tempo. In questa fotografia lo "sguardo" dell'autore risulta assai malizioso -soprattutto per i tempi- riprendendo da dietro un calesse condotto da due giovani ragazze.