Bologna, Piazza Malpighi

60f6db2a3c12a10007f15c04

Bologna, Piazza Malpighi

 Genera il pdf
Inventario
BRI 02742
Autore
Categoria:

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Bologna
Luogo e anno di edizione
Bologna, primo / secondo decennio sec. XX°
Data della ripresa
primo / secondo decennio sec. XX°
Timbro di spedizione (Luogo e data)
Bologna, 1914
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
cartolina postale
Misure immagine (in cm; hxb)
14x9
Indicazione di colore
b/n viraggio seppia
Iscrizioni
Sul recto, in alto a sinistra: "Bologna - Piazza S. Francesco". Sul verso, nell'angolo inferiore di sinistra si legge il nome dell'editore preceduto dal n. 5339. La cartolina è viaggiata da Bologna verso Orvieto; è stata spedita nel 1914.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Bologna, Piazza Malpighi
Note
La didascalia stampata sul recto della cartolina riporta erroneamente l'identificazione con Piazza San Francesco che, in realtà, è quella davanti e di fianco alla chiesa omonima. La sua antica e originaria denominazione fino al 1874 era stata Prato di San Francesco e si doveva al fatto che il terreno circostante la basilica era realmente un prato, che serviva anche da cimitero (una parte fu mantenuta dopo i restauri dovuti ad Alfonso Rubbiani ed esiste tuttora). Dal 1874 al 1942 quella piazza fu poi intitolata a Francesco De Marchi. La cartolina è stata spedita nel 1914 e dunque era ancora in essere l'intitolazione a De Marchi. L' errore è molto probabilmente dovuto al fatto che, fino al 1874, Piazza Malpighi era sempre stata conosciuta come Seliciata di San Francesco. In primo piano campeggia la colonna che porta alla sommità la statua dell'Immacolata, molto cara ai Bolognesi. A destra, sempre in primo piano, si notano le carrozze del tram a trazione elettrica che aveva l'altro capolinea a Casalecchio di Reno. Sullo sfondo, nello stesso lato, si riconosce la fiancata di quello che era l'Hotel Brun, uno dei più prestigiosi alberghi della città, distrutto come l'edificio dietro il tram nel corso dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. La pavimentazione della piazza è ancora a ciottoli.