Bologna. Pinacoteca. Labbrugia Nicolò detto "Nicolò Pisano" - Deposizione

60f6e1433c12a10007f1d6d6

Bologna. Pinacoteca. Labbrugia Nicolò detto "Nicolò Pisano" - Deposizione

Notizie storico artistiche

Datazione
Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
1883-1888
Oggetto
Negativo
Materia e tecnica
gelatina bromuro d'argento/vetro
Misure immagine (in cm; hxb)
26,9x21
Indicazione di colore
B/N
Soggetto o iconografia
Bologna - Musei - Pinacoteca Nazionale - Pittura - Nicolò Pisano - Sepoltura di Gesù Cristo
Bibliografia
Catalogo Generale della Fotografia dell’Emilia di Pietro Poppi pittore-fotografo, Bologna, Tipografia Fava e Garagnani, 1888; Franco Cristofori, Giancarlo Roversi, a cura di, Pietro Poppi e la Fotografia dell’Emilia, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1980; Giuseppina Benessati, Angela Tromellini, Fotografia & Fotografi a Bologna, 1839-1900, Casalecchio di Reno, Grafis, 1992; Franca Varignana, Pietro Poppi “Peintre-Photographe” in Andrea Emiliani, Italo Zannier, a cura di, Il tempo dell'immagine: fotografi e società a Bologna 1880-1980, Torino, SEAT, 1993, pp. 55-70; Fabio Marangoni, Pietro Poppi (1833-1914) fotografo bolognese dell’Ottocento, tesi di laurea in Storia dell’Arte Contemporanea, Università degli studi di Bologna, relatore Stefano Susinno, a.a. 1998/1999; Pinacoteca Nazionale di Bologna, Catalogo generale, Venezia, Marsilio, 2004-2013
Note
La datazione della lastra negativa deriva dal riscontro sui cataloghi a stampa: presente nel catalogo del 1888, ma non in quello precedente (1883).
L'opera, realizzata da Nicolò Pisano nel 1525-26, era situata originariamente presso l'altare della cappella Spagnoli nella chiesa di Santa Maria Maddalena di Galliera. In occasione dei lavori di ammodernamento della chiesa conclusi nel 1749, la pala fu acquistata da monsignor Zambeccari che la donò nel 1762 all'Accademia Clementina da cui pervenne in Pinacoteca.
La lastra presenta fascetta originale con aggiunta dattiloscritta F.P.