Bologna, Via dell'Indipendenza: Eden Restaurant

60f6db2a3c12a10007f15ee5

Bologna, Via dell'Indipendenza: Eden Restaurant

Inventario
BRI / GF 5
Categoria:

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
inizio sec. XX°
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
stampa montata su cartoncino di supporto
Misure immagine (in cm; hxb)
27,5x40
Indicazione di colore
b/n
Iscrizioni
Sul verso del cartoncino di supporto si legge: "Eden ristorante". Sul bordo sinistro del recto è scritto "Maria".
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Bologna, Via dell'Indipendenza: Eden Restaurant
Note
L'Eden Kursaal era un famoso locale situato in via dell'Indipendenza n. 69, all'interno di Palazzo Maccaferri, edificato nel 1899 su progetto di Attilio Muggia lungo il portico della Montagnola. Il locale, che oggi sarebbe definito "polivalente", fu inaugurato dal sindaco Dallolio. Era composto da una grande sala adibita a caffè concerto al piano terra e da un salone ristorante e da alcune salette per il gioco al piano nobile. Le decorazioni in ferro battuto e le ringhiere dell'interno erano state realizzate in stile Liberty da Sante Mingazzi. La imponente illuminazione era invece stata curata dalla ditta tedesca Ganz. Il riscaldamento avveniva grazie ai primi termosifoni che furono montati a Bologna. Negli anni della Bella Époque il café-chantant ospitò tutti i più noti protagonisti dello spettacolo leggero fino alla leggendaria Bella Otero. Nel 1902 in quei prestigiosi ambienti si svolse anche la prima Esposizione Campionaria cittadina. Nel 1921 l'Eden venne scelto per rappresentare il Teatro Futurista della Sorpresa. Nel 1923, purtroppo, la chiusura e la successiva destinazione a sede della Società Elettrica. Solo nel 2007 l'intero complesso fu accuratamente restaurato e vennero riportate alla luce le originali decorazioni. Attualmente ospita l'Hotel "I Portici" con annesso ristorante cui è stato attribuito l'antico nome. Questa fotografia ci restituisce l'interno della capiente sala da pranzo. Non è noto il motivo della presenza del cartellone e delle poltroncine così disposte.