Bologna, Via Saragozza: Palazzo Albergati, facciata

60f6db2a3c12a10007f15cdb

Bologna, Via Saragozza: Palazzo Albergati, facciata

Inventario
BRI / FOT. 147
Categoria:

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
fine sec. XIX°
Oggetto
Positivo
Misure immagine (in cm; hxb)
24,5x18,5
Indicazione di colore
b/n
Iscrizioni
Nella fascetta inferiore che compare sul recto si legge: "(ed.ne Alinari) P.e Ia N° 10650. BOLOGNA - Palazzo Albergati. (Baldassare Peruzzi)"
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Bologna, Via Saragozza: Palazzo Albergati, facciata
Note
L'antico palazzo, residenza della nobile famiglia Albergati, fu probabilmente disegnato da Baldassarre Peruzzi. La costruzione ebbe inizio nel 1519; all’interno custodisce sale affrescate nel Seicento e nel Settecento. A destra si nota un portico che segna l'angolo con via Malpertuso. Sull'origine del nome "Malpertuso" esistono diverse fonti. La più attendibile è proprio quella che la fa risalire al significato letterale, ossia: "cattivo pertugio". La breve strada che collega via Saragozza con viale Aldini conduceva infatti ad una porta secondaria nelle mura della città, di cui si ha notizia nel 1288 e che fu chiusa nel 1327. Per i secoli a venire, tutta la zona venne inglobata nel giardino di Palazzo Albergati che, proprio in quel punto, aveva magazzini e stalle. Alla fine dell'Ottocento fu riaperto il collegamento tra via Saragozza e i viali, con la conseguente demolizione dell'edificio porticato. Sotto il portico non più esistente vi era l'Osteria Masegna.