Burattino Tartaglia

62039eeb8919f50007f703f0

Burattino Tartaglia

Inventario
F25979
Categoria:

Notizie storico artistiche

Datazione
Tecnica e supporto
Cartapesta policromata, legno dipinto, stoffa
Misure (in cm)
52,5
Fondo/Raggruppamento
Descrizione
Burattino vestito di scuro con grande colletto bianco ricamato e ampio cappello nero. Indossa spessi occhiali da vista.
Bibliografia
M. Guarino, Chi è di scena? Baracche burattini e marionette, Bologna, 199, p. 6;
Mostre
Chi è di scena? Baracche, burattini e marionette... (Bologna, 2/10 - 28/11 1999)
Note
Alcuni critici lo fanno nascere a Verona altri a Napoli. Bonario e di animo gentile. Con il suo simpatico balbettare rende la commedia esilarante, ricca di doppi sensi e di situazioni ridicole. Il ruolo che Tartaglia svolge nello spettacolo è sempre quella del padre di un Innamorato, ma la sua professione cambia di volta in volta: notaio, avvocato, farmacista, usciere del tribunale. Il suo nome deriva dal verbo tartagliare che significa appunto balbettare. Quando dialoga, tra parole dette a metà e ripetizioni, fa perdere la pazienza a chiunque e dà origine a malintesi che divertono gli spettatori. Vorrebbe aiutare il prossimo, ma costringe alla fuga quelli che gli si avvicinano. Si dichiara orgoglioso, ma al più piccolo rumore si insospettisce e corre a nascondersi. afflitto da una forte miopia, indossa dei ridicoli occhialoni.