Cappelli Barbisio

60f6db2a3c12a10007f15bd5

Cappelli Barbisio

Inventario
BRI 01337
Categoria:

Notizie storico artistiche

Luogo e anno di edizione
Bologna, 1930 c.
Stampatore
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
litografia policroma, cartolina postale
Misure immagine (in cm; hxb)
14x9
Indicazione di colore
policromia
Iscrizioni
Sul recto: nell'angolo superiore di sinistra si legge la firma dell'illustratore; in basso il nome "BARBISIO". Sul verso, nel bordo verticale di sinistra compare il nome dello stampatore.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Cappelli Barbisio
Note
Sin dal XVII secolo, il territorio biellese nel quale l'azienda si trova vanta il primato indiscusso dell'arte del cappello. Le origini della ditta Barbisio risalgono alla seconda metà dell'Ottocento: la sede produttiva si trova nello stabilimento di Sagliano Micca fin dal 1862. I cappelli Barbisio sono considerati tra i più leggeri al mondo: per fabbricare il feltro l'azienda utilizza materiali con un micronaggio più elevato di quello del cashmere. La fortuna della ditta non ha conosciuto crisi e la vendita avviene in tutto il mondo attraverso boutique e negozi attentamente selezionati. Dal 1982 il marchio Barbisio è di proprietà del Cappellificio Cervo, altra storica società. La pubblicità riprodotta in questa cartolina reca la firma dell'illustratore ATLA (alias il bolognese Giovanni Mingozzi). Lo pseudonimo fu lo stesso che il disegnatore diede all' agenzia pubblicitaria di sua proprietà fondata a Bologna. Tale agenzia negli anni Venti e Trenta del Novecento produsse un notevole numero di splendidi manifesti.