Castiglione dei Pepoli, molino da grano e da olio sotto "Cà d'Onofrio": interno

60f6d68b3c12a10007f138f3

Castiglione dei Pepoli, molino da grano e da olio sotto "Cà d'Onofrio": interno

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Castiglione dei Pepoli
Data della ripresa
Anni Cinquanta sec. XX°
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
stampa su carta
Misure immagine (in cm; hxb)
24x18
Misure negativo (in cm; hxb)
lastra 15x10; negativo 7x6
Indicazione di colore
b/n
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Castiglione dei Pepoli, molino da grano e da olio sotto "Cà d'Onofrio": interno
Bibliografia
(1) Luigi Fantini, "Antichi edifici della montagna bolognese", Bologna, Alfa, 1971, vol. I/tav. XLI, pag. 70; (2) "La ruota del pane. I mulini ad acqua del castiglionese" a cura di Fabio Foresti, Bologna, CLUEB, 1990.
Note
Castiglione dei Pepoli si sviluppa alle pendici del Monte Gatta, ed è oggi tra i principali centri abitati dell’Appennino bolognese. Il territorio comunale si estende sulle vallate dei torrenti Setta, Brasimone e Gambellato, che con numerosi rii affluenti ne fanno un territorio particolarmente ricco di acque. La zona, conosciuta già da Etruschi e Romani, conobbe forte sviluppo nel periodo medievale. Tale momento fu ricco di lotte e di congiure, fino a che gli antichi e potenti signori dovettero capitolare alle emergenti libertà comunali. Dopo la metà del Quattrocento, in pieno Rinascimento, l’antica famiglia bolognese dei Pepoli si impadronì di queste zone e ne fece un piccolo feudo incastonato entro i territori dello Stato della Chiesa. I Pepoli ne rimasero di fatto i signori incontrastati fino al 1796. Tra le attività produttive più diffuse del territorio vi era quella dei mulini, che sfruttavano l'acqua dei torrenti come forza motrice. Quello qui fotografato da Luigi Fantini è ricordato come Mulino di Cà d'Onofrio. Si trova sulla sponda sinistra del Setta e, purtroppo, ha cessato ogni attività. La ruota orizzontale -di solito collocata in un locale sotterraneo- è qui ben visibile: era costituita da una parte cilindrica e da catini inseriti a raggiera in apposite fenditure tramite cunei di legno.