Coppia di pistole con batterie alla fiorentina firmate "Acqua Fresca" (Bargi di Camugnano)

60f6d68b3c12a10007f13832

Coppia di pistole con batterie alla fiorentina firmate "Acqua Fresca" (Bargi di Camugnano)

Notizie storico artistiche

Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
stampa su carta
Misure immagine (in cm; hxb)
24x18
Misure negativo (in cm; hxb)
lastra 15x10; negativo 7x6
Indicazione di colore
b/n
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Coppia di pistole con batterie alla fiorentina firmate "Acqua Fresca" (Bargi di Camugnano)
Bibliografia
(1) catalogo della "Mostra delle armi da fuoco anghiaresi e dell'Appennino Tosco-Emiliano. Secoli XVII-XVIII-XIX", Sansepolcro, Stab. Arti Grafiche, 1968; (2) Luigi Fantini, "Antichi edifici della montagna bolognese", Bologna, Alfa, 1971, vol. I/52, 53 pag. 122
Note
Bargi, deliziosa borgata e frazione del comune di Camugnano in provincia di Bologna, è nota per la sua ricca storia, soprattutto durante il periodo medievale. A breve distanza dal paese, poco prima del bacino di Suviana, si trova la località "Pianacci", divenuta famosa per aver dato i natali alla famiglia degli Acquafresca, nota stirpe di armaioli e cesellatori. Qui nacque nel 1619 Sebastiano Acquafresca, colui che iniziò la tradizione famigliare. Il figlio Matteo fu invece l'artefice di rinomatissimi archibugi la cui eleganza e perfezione si possono ancora oggi ammirare in alcuni musei come lo Stibbert di Firenze, l'Armeria Reale di Torino e quello Pubblico di Birmingham. La coppia di pistole fotografata da Luigi Fantini è conservata a Roma, presso la Galleria Odescalchi. Le armi, di straordinaria bellezza, sono sobriamente decorate di incisioni e rilievi (fine sec. XVII - inizio sec. XVIII).