Farneto (San Lazzaro di Savena), Villa già Bolognini, poi Amorini, ora Salina

60f6d68b3c12a10007f13921

Farneto (San Lazzaro di Savena), Villa già Bolognini, poi Amorini, ora Salina

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Farneto (San Lazzaro di Savena)
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
stampa su carta
Misure immagine (in cm; hxb)
18x24
Misure negativo (in cm; hxb)
lastra 10x15; negativo su pellicola 6x7
Indicazione di colore
b/n
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Farneto (San Lazzaro di Savena), Villa già Bolognini, poi Amorini, ora Salina
Bibliografia
Luigi Fantini, "Antichi edifici della montagna bolognese", Bologna, Alfa, 1971, vol. I/292, pag. 286
Note
Farneto, in comune di San Lazzaro di Savena, fu abitato fin da epoca preistorica anche se, prima del Mille, non vi sono notizie documentate. E' divenuto famoso grazie alla grotta scoperta nel 1871 da Francesco Orsoni. Luigi Fantini ha fotografato il disegno tratto dal manoscritto n. 171 del fondo Gozzadini della Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio dal volume "Ville, castelli e chiese bolognesi da un libro di disegni del Cinquecento", pubblicato da Mario Fanti nel 1967. Il soggetto è palazzo Bolognini con quattro torri angolari e il ricco portale centrale. L'edificio fu trasformato in villa nel secolo XVIII. Durante la seconda guerra mondiale fu gravemente colpita e nulla rimaneva del vastissimo giardino nel quale si apriva anche un classico "labirinto" di folte siepi di bosso. Fortunatamente recuperati sia la villa che il giardino, attualmente la struttura ospita una lussuosa casa di riposo per anziani.