Ingresso del nuovo Gonfaloniere, di notte a lume di torcie (1671)

60f6db293c12a10007f1575f

Ingresso del nuovo Gonfaloniere, di notte a lume di torcie (1671)

Inventario
BRI 00420; BRI 00633
Autore:
Categoria:

Notizie storico artistiche

Luogo e anno di edizione
Bologna, s.d.
Serie
Bologna antica - serie 1
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
cartolina postale
Orientamento
orizzontale
Misure immagine (in cm; hxb)
9x14
Indicazione di colore
b/n viraggio seppia
Iscrizioni
Il nome dell'editore è leggibile sul verso, in basso a sinistra, preceduto dal n. 6-a.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Bologna, ingresso del nuovo Gonfaloniere
Note
Base della costituzione politica bolognese erano i "capitoli di Niccolo V". Tali capitoli, consentivano al Comune di Bologna di godere di una serie di concessioni, tra le quali una certa autonomia economica e militare rispetto allo Stato della Chiesa. Ovvero, Bologna poteva avere un suo piccolo esercito dipendente dal Senato e dal Legato, ma del tutto separato dai corpi armati pontifici. Il Senato -detto anche Reggimento- era composto da cinquanta membri nominati a vita e tutti appartenenti all'ordine nobile. La nomina di ogni nuovo senatore spettava al Pontefice. Ogni due mesi, all'interno del Senato, venivano eletti otto Anziani Consoli e un Gonfaloniere. Quest'ultimo, insieme al Legato, sottoscriveva i bandi, era capo del Senato e delle sue commissioni e giudice ordinario delle Società delle Arti. Gonfaloniere e Anziani, nel tempo che restavano in carica, risiedevano stabilmente nel Palazzo Pubblico. La cartolina riproduce -in parte- una miniatura tratta dalle "Insignia degli Anziani" conservate all'Archivio di Stato (vol. IX, cc. 35b-36-a). Più specificamente, si tratta del corteo notturno che, nel novembre 1671, accompagnò pomposamente alla luce delle torce, il neoeletto Gonfaloniere Orsi dal suo palazzo in via San Vitale fino a Palazzo Pubblico per la cerimonia dell'insediamento. Finestre e balconi sono gremiti di spettatori, mentre i "trombetti" degli Anziani danno fiato ai loro strumenti con festose fanfare.