Sala Bolognese (BO), basilica di Santa Maria Annunziata e San Biagio: interno

60f6db2a3c12a10007f1696d

Sala Bolognese (BO), basilica di Santa Maria Annunziata e San Biagio: interno

 Genera il pdf
Inventario
BRI / BO PROVINCIA 2122, 2123, 2124
Autore
Categoria:

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Sala Bolognese (BO)
Luogo e anno di edizione
Bologna, s.d.
Data della ripresa
Anni Cinquanta sec. XX° (?)
Timbro di spedizione (Luogo e data)
San Giovanni in Persiceto, 1966 (n. inv. BRI / BO PROVINCIA 2122)
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
cartolina postale
Orientamento
orizzontale
Misure immagine (in cm; hxb)
10,3x14,7
Indicazione di colore
b/n
Iscrizioni
Sono presenti tre esemplari: il primo è viaggiato da San Giovanni in Persiceto a Bologna. Il timbro di spedizione risale al 1966. Sul verso di quello contrassegnato dal n. inv. BRI / BO PROVINCIA 2123 è scritto: "Sala Bolognese / 23 aprile 78"
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Sala Bolognese (BO), basilica di Santa Maria Annunziata e San Biagio: interno
Bibliografia
http://www.emiliaromagnaturismo.it;
http://www.chieseitaliane.chiesacattolica.it
Note
Sala Bolognese è il nome di un territorio a vocazione squisitamente agricola situato a nord di Bologna, nelle vicinanze di San Giovanni in Persiceto. Oltre a Sala comprende la località di Padulle dove, in seguito ai "Moti del macinato" del 1878 fu trasferita la sede comunale, e le frazioni di Bagno di Piano, Bonconvento e Osteria Nuova. Nel 1864, in seguito all'unificazione italiana e per evitare equivoci causati dall'omonimia con altri comuni, prese l'attuale denominazione. Dal gennaio 2012 fa parte dell'Unione dei comuni Terre d'acqua. La chiesa di Santa Maria Annunziata e San Biagio sorge a margine dell'abitato, con l'abside rivolta ai campi pianeggianti e la facciata verso l'asse del paese, preceduta da un sagrato con viale monumentale. Le origini dell'antica pieve datano per certo a prima del sec. XI, con l'attuale aspetto frutto di un restauro novecentesco che ha riportato in luce l'impianto altomedievale, con l'alta cripta dagli innumerevoli segni artistici. All'esterno il volume a salienti in mattoni lascia intravedere l'impianto basilicale a tre navate con absidi, in mattoni anche all'interno con inserti decorativi e capitelli in selenite.