V Congresso e Concorso Nazionale Federale Ginnastico in Bologna - Maggio 1901

60f6db2a3c12a10007f16c0f

V Congresso e Concorso Nazionale Federale Ginnastico in Bologna - Maggio 1901

Inventario
BRI 01515, 01516, 01517
Categoria:

Notizie storico artistiche

Datazione
Timbro di spedizione (Luogo e data)
Bologna, maggio 1901
Oggetto
Positivo
Forma Specifica dell'Oggetto
litografia policroma, cartolina postale
Misure immagine (in cm; hxb)
14x9
Indicazione di colore
policromia
Iscrizioni
Il nome dell'illustratore si legge nell'angolo superiore destro del recto. Sul verso di tutti gli esemplari è stato apposto l'apposito timbro di annullo. Due di essi sono viaggiati: uno verso Bologna e l'altro verso Rovigo.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
V Congresso e Concorso Nazionale Federale Ginnastico in Bologna - Maggio 1901
Bibliografia
1) Franco Cristofori, "Bologna. Immagini e vita tra Ottocento e Novecento", Bologna, Alfa, 1978, p. 489; 2) Antonio Brighetti - Franco Monteverde, "Bologna nelle sue cartoline", Cuneo, L'Arciere, 1986, vol. 1, pag. 26; 3) https://www.bibliotecasalaborsa.it/cronologia/bologna
Note
In occasione del Concorso ginnastico internazionale, organizzato dalla Società ginnastica Virtus, Piazza dell'8 Agosto 1848, già piazza d'Armi, fu trasformata in Stadio Attico, con richiami scenografici all'antichità classica. L'arena temporanea era lunga più di 100 metri e poteva contenere oltre 4000 spettatori.
Il V Congresso e Concorso Nazionale e Federale Ginnastico in Bologna era stato inaugurato il 16 maggio, nella chiesa sconsacrata di Santa Lucia, dal sindaco Dallolio.
Il 18 maggio il Convegno degli insegnanti di ginnastica rese onore a Emilio Baumann (1843-1916), instancabile promotore dell'attività fisica nelle scuole e fondatore della Virtus.
Il 19 maggio oltre 20.000 persone assistettero alla sfilata e agli esercizi ginnici nell'arena della Piazzola. Intere famiglie bivaccarono sui tetti delle case circostanti. Alle 15,15, al suono della fanfara, iniziò la sfilata nello stadio; quindi si succedettero gli esercizi collettivi davanti al Conte di Torino.
Dopo i discorsi ufficiali, vennero premiate diverse società sportive. A riscuotere i maggiori consensi fu la Società Ginnastica Andrea Doria di Genova.