Fiaba "C'era una volta"

60f699323c12a10007f11f22

Fiaba "C'era una volta"

Inventario
TEST. TEATRO / C'ERA UNA VOLTA 10

Notizie storico artistiche

Datazione
Data della ripresa
1925
Oggetto
Positivo
Materia e tecnica
stampa su carta
Orientamento
verticale
Misure immagine (in cm; hxb)
15x20
Indicazione di colore
b/n
Iscrizioni
Sul verso compaiono il timbro del laboratorio fotografico, la numerazione 5/48 e l'annotazione p. 10
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Fiaba "C'era una volta"
Bibliografia
1) Franco Cristofori, "Alfredo Testoni. La vita, le opere, la citta" Bologna, Alfa, 1981; 2) "Alfredo Testoni. Sotto i portici e dietro le quinte", a cura di Davide Amadei e Vittoria Coen, Bologna, Minerva Soluzioni Editoriali, 2003.
Note
La fotografia si riferisce, come scrive Franco Cristofori " alla fiaba quasi medioevale, molto in prosa e poco in rima, divisa in due quadri" "C'era una volta" scritta da Alfredo Testoni e musicata dal Maestro Ottino Ranalli. La favola fu rappresentata per la prima volta nel 1908 a Castelluccio, paese nelle vicinanze di Porretta Terme, da un gruppo di villeggianti. In seguito, Testoni inviò il testo al settimanale "Il giornalino" e una seconda rappresentazione avvenne nel 1924 a Cutigliano (PT), dove l'autore andava in vacanza. Il debutto ufficiale, però, si tenne al Teatro Modernissimo di Bologna il 27 febbraio 1925. Recitavano per beneficenza attori di una giovanissima filodrammatica. La fiaba venne successivamente ridotta ad uso operetta e divisa in tre atti e quattro quadri da Teresa Robba (cfr. l'edizione stampata a Trieste dalla Tipografia Consortile nel 1935). Chi scrive ha seguito la successione delle fotografie contrassegnata nel verso di ogni positivo. La numerazione va da 4/36 a 5/48.