Roccapelago

60f699323c12a10007f11f1b

Roccapelago

Inventario
TEST. / VEDUTE / VERSI 16

Notizie storico artistiche

Oggetto
Positivo
Materia e tecnica
cartone rigido con cornice dorata
Orientamento
verticale
Misure immagine (in cm; hxb)
40,5x33,5
Iscrizioni
Sul recto del cartone si legge il testo autografo di Giovanni Fanti. Nell'angolo superiore destro del verso compare la numerazione 27/263.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Roccapelago
Bibliografia
1) Giuseppina Benessati, Angela Tromellini, Fotografia & Fotografi a Bologna, 1839-1900, Casalecchio di Reno, Grafis, 1992; 2) "Cent'anni fa Bologna. Angoli e ricordi della città nella raccolta fotografica 'Belluzzi'", a cura di Otello Sangiorgi e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Costa editore, 2000; 3) www.archiviostorico.unibo.it; 4) "Le torri salvate" a cura di Marina Foschi, Paola Monari, Giuseppina Muzzarelli in "IBC" X, 2002, 1; 5) www.storiaememoriadibologna.it; 6) "Castelli, Rocche e Roccie storiche : vedute dell'Appennino, Paesaggi alpini, Cadore e Monti bellunesi" fotografie del cav. Alessandro Cassarini, S.l. : s.d. [1900?] (Bologna : Tip. Zamorani e Albertazzi)

Note
Questo cartone riporta un testo autografo in versi e la firma originale di Giovanni Fanti. Al contrario di quanto accaduto per altri cartoni di questo tipo, non vi è richiamo ad una fotografia del fondo Testoni. Dell'archivio privato del commediografo, infatti, fa parte di un piccolo nucleo di n. 12 grandi positivi simili tra loro. L'autore di undici di questi è Alessandro Cassarini (Bologna, 1847- Castelfranco Emilia, 1929). Alpinista e fotografo, era fratello dell'allora più noto Clodoveo: entrambi appartenevano alla ricca famiglia bolognese che possedeva l'omonimo importante stabilimento chimico-farmaceutico in cui venivano prodotte le polveri antiepilettiche note per l'appunto come "Cassarine". Alessandro si dedicò dunque alla fotografia dopo essere entrato a far parte della sezione bolognese del Club Alpino Italiano. Affinata la tecnica, fece conoscere le sue riprese durante alcune delle più importanti Esposizioni Nazionali e, ovviamente, nel corso della grande Esposizione Emiliana di Bologna nel 1888. Nel frattempo, con l'Unità d'Italia, il neonato Ministero della Pubblica Istruzione - Direzione Generale di Antichità e Belle Arti si trovò nella necessità di gestire l'immenso patrimonio artistico del Paese e la sua salvaguardia. Furono dunque nominati dei Delegati Regionali che ricevettero l'incarico di compilare un elenco provvisorio dei monumenti sulla base delle ricognizioni del territorio. Nel 1891 furono istituiti gli Uffici Regionali per la Conservazione dei Monumenti che avevano il compito di tutelare gli edifici di interesse artistico e di aggiornare gli elenchi di cui sopra: erano gli antenati di quelle che sono le attuali Soprintendenze. Corrado Ricci (Ravenna,1858 – Roma,1934) fu uno dei primi soprintendenti in Emilia Romagna. Figlio dello scenografo e fotografo Luigi, riteneva la fotografia lo strumento forse più valido per la conoscenza e il confronto delle opere d'arte e, stabilitosi a Bologna nel 1892, conobbe Alessandro Cassarini. Con lui avviò una vera e propria campagna fotografica sui castelli del Montefeltro, della Repubblica di San Marino e dell'intera Emilia-Romagna. Il tutto nell'ottica del "revival" medievale guidata nel capoluogo emiliano da Alfonso Rubbiani. Tale ricognizione durò circa tre anni, fino al 1895. Nel 1901 fu realizzato un catalogo a stampa di tutta l'opera di Alessandro Cassarini corredata dai testi di Corrado Ricci. Il valore di tali riprese fu sempre più confermato nel tempo, tanto che fino al 1940 le fotografie venivano ancora regolarmente riprodotte per le soprintendenze a documentazione dell'architettura fortificata. Purtroppo, dopo la morte di Cassarini, il suo preziosissimo archivio fu disperso e il suo nome praticamente dimenticato. Il piccolo nucleo presente nelle Collezioni d'Arte e di Storia della Fondazione Carisbo si dimostra dunque ancor più prezioso. Non si conosce con esattezza il motivo per cui Testoni fosse in possesso di tali positivi, ma si può presumere che, insieme ad altri scrittori di ambito bolognese, pensasse di affiancare alle fotografie alcuni testi sullo stesso argomento per poi realizzare una pubblicazione ad hoc. Le uniche notizie reperite su Giovanni Fanti sono le date di nascita e di morte (1823-1907) e alcuni titoli di sue opere didattiche. Il testo, riferito alla località Roccapelago(in provincia di Modena), recita testualmente: "Là sulla viva roccia siccome fantasma che guata / Sdegnoso il capo tra le ventose nubi; / Alto protendi ancora o nera terribil rocca, / Cinta di cupi misteri e di silenzio. / Le poderose braccia dall'ala del tempo percosse / Crollan stridendo come scrosciante nembo, / Crollano di ardui fianchi; al nudo squarciato tuo busto / Tenacemente l'edera s'abbarbica. / Volano a stormo i nibii lor lubrici amori cantando / E alle silenti meste ruine insultano. / Ma tu dei fasti antichi, dell'armi, de'sgherri feroci, / Dell'efferato prence terror del Pelago / Memore altera o Rocca, tu l'occhio di falco girando / Nell'ima valle, teso l'orecchio, attendi... / Forse il nitrito attendi de'mille anelanti puledri, / Il rauco squillo degli oricalchi; gli elmi / D'acciar fiammanti, e l'aste, mentre a' suoi fieri recessi / Torna il tuo Sire, ebbro d'amor, di sangue? / Tetro rameggia, il bosco, lontano, sfavillano al sole / Tremule l'acque né tortuosi seni. / Mira là nella valle i taciti pascoli verdi / Ed i fumanti solchi sui campi arati / Laggiù muggono allegri del vomere industre i giovenchi / Per gli alti greppi balzan le capre, al canto / Del pastorel che ignaro sui mesti tuoi ruderi posa, / Come virgineo fiore tra le macerie. / Dolci tranquille intorno si volvono l'opre sudate / Dell'uomo...O Rocca, mira fremendo e cedi, / Cedi l'ultime spoglie al fosco tuo baratro immane, / L'alba de suoi tempi s'avanza e splende / O tenebrosa rocca, l'abisso, l'abisso t'inghiotte, / Mentre destando le sotterranee volte / Giù nell'imo latebre, schernendosi, Satana ride, / Satan che l'alto canto d'Enotrio invoca."