Virginia Reiter al Teatro Comunale di Bologna

60f699323c12a10007f11f3b

Virginia Reiter al Teatro Comunale di Bologna

Inventario
TEST. TEATRO 4

Notizie storico artistiche

Luogo della ripresa
Bologna
Data della ripresa
Anni Venti sec. XX° (?)
Oggetto
Positivo
Materia e tecnica
stampa su carta
Orientamento
verticale
Misure immagine (in cm; hxb)
12x17
Indicazione di colore
b/n
Iscrizioni
Nell'angolo inferiore sinistro del recto è stato apposto il timbro del laboratorio fotografico. Sul verso è scritto: "Virginia Reiter / al Comunale di Bologna / (teatro sperimentale)" e sono state apposte le numerazioni 4/31 e TB3.
Fondo/Raggruppamento
Soggetto o iconografia
Virginia Reiter al Teatro Comunale di Bologna
Bibliografia
1) Franco Cristofori, "Alfredo Testoni. La vita, le opere, la citta" Bologna, Alfa, 1981; 2) "Alfredo Testoni. Sotto i portici e dietro le quinte", a cura di Davide Amadei e Vittoria Coen, Bologna, Minerva Soluzioni Editoriali, 2003.
Note
Purtroppo non si hanno altre notizie rispetto a quelle riportate sul verso del positivo. Virginia Reiter (Modena, 1862 – 1937) è stata una nota attrice teatrale italiana a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento. Da sempre dotata di una voce melodiosa e di grande espressività, era capace di entrare in comunicazione con il pubblico anche grazie alla sua affascinante femminilità. Nella stagione 1894-1895 fu nella compagnia Talli-Reinach recitando in alcuni testi brillanti e dal 1895 passò con la Leigheb-Andò. Con quest'ultima interpretò per prima il ruolo di protagonista nel dramma "La lupa" di Giovanni Verga. Tra il 1900 e il 1902 formò una sua compagnia insieme a Francesco Pasta e con questa mise in scena il suo maggior cavallo di battaglia: "Madame Sans-Gêne" di Victorien Sardou ed Émile Moreau. Le repliche furono talmente tante che, alla fine, il pubblico l'aveva assimilata a Caterina, la sincera e simpatica protagonista della commedia. Fu quindi socia di Luigi Carini con il quale rimase sino al 1915, anno in cui si ritirò dalle scene. A lei sono intitolati un Festival e un premio. Per Virginia Reiter Alfredo Testoni scrisse la commedia "Quel certo non so che...", che fu rappresentata con grande successo al Teatro Sannazaro di Napoli il 10 febbraio 1902. Da quel momento l'autore bolognese ricevette una vera e propria consacrazione, tanto da diventare uno dei più contesi commediografi italiani.